Coltivazione

Amnesia – La più desiderata

Per: Kevin, May 4, 2018

Questa sativa, dal sapore eccellente e dall’effetto potentissimo, è fra le varietà più desiderate da coltivatori e consumatori. Gli abbondanti raccolti, gli enormi bud coperti di resina, la meravigliosa flagranza e la facile coltivazione e resistenza rendono questa genetica insostituibile fra i cannabicoltori.

L’ultima magnifica aggiunta al catalogo Advanced Seeds è un’Amnesia, sviluppata a partire dalla famosa Amnesia di Hy-Pro, che combina, in un’unica varietà, tutto quello che ci si può aspettare da questa splendida genetica: una sativa-dominante con un periodo di crescita alquanto breve, in grado di svilupparsi con forte vigore a una velocità impressionante. I rami e germogli sono grandi, con foglie di colore verde intenso che, durante la fioritura, sopportano il peso di bud lunghi e pesanti; con una grande quantità di cristalli (apprezzabile già a prima vista).

 Amnesia - La più desiderata

Un fiore bellissimo.

Con circa il 18% di THC, ha un effetto di lunga durata consistente, sin dalle prime boccate, in un rapido sballo cerebrale, accompagnato da una forte sensazione di euforia che ti lascerà decisamente intontito e stordito, Si gusta idealmente in compagnia di amici. La fioritura è relativamente rapida (per essere una varietà prettamente sativa). Sarà pronta a metà ottobre all’esterno e dopo circa 65/70 giorni all’interno, per cui si consiglia di usare potenti filtri antiodore in questo periodo, per evitare che il suo aroma riconoscibile fuoriesca dalla grow room.

All’esterno, se si semina al principio della stagione e ci si prende cura di ogni necessità, ciascun esemplare potrà raggiungere oltre tre metri di altezza, con una produzione superiore a un chilo per pianta. All’interno il raccolto è ugualmente molto ricco, arrivando a totalizzare anche 500-600 g/m2. La pianta sprigiona un penetrante aroma di spezie ed incenso, con note di Haze e limone che, dopo la degustazione, persisteranno a lungo in bocca; è molto resistente alle muffe ed alle malattie e si adatta perfettamente a qualsiasi tecnica di coltivazione, con risultati spettacolari; il raccolto di questa potentissima Amnesia darà grosse soddisfazioni anche ai coltivatori più inesperti.

Crescita

L’Amnesia di Advanced Seeds è una delle ultime aggiunte al nostro vivaio e, a giudicare dal risultato ottenuto, è destinata a restare fra le nostre preferite. Alla fine dell’estate abbiamo germinato 10 semi di Amnesia racchiudendoli in mezzo a panni precedentemente inumiditi, che abbiamo a loro volta pressato fra due vassoi, per evitare che la luce potesse filtrare e danneggiare le radici. Nella grow room dove abbiamo collocato i semi così preparati, è stata poi mantenuta una temperatura ideale per la germinazione grazie al calore prodotto dalle lampade.

 Amnesia - La più desiderata

Il bud centrale durante lo sviluppo.

In meno di 48 ore, era visibile, in tutti i semi germinati, una radicetta. Gli esemplari sono poi stati piantati in vasi di poco meno di un litro, esponendoli a un fotoperiodo di diciotto ore di luce e sei di oscurità, sotto lampade da 600 W posizionate a una distanza di circa un metro. La distanza delle lampade è stata ridotta gradualmente fino a circa 50 cm. Il giorno dopo la piantatura dei semi così germinati i cotiledoni sbucavano già fuori dal terreno e iniziava così’ un breve ma intenso periodo di crescita.

Nei primi giorni abbiamo aggiunto piccole quantità di acqua, con dosi minime di ormone radicante. Dopo dieci giorni, abbiamo trapiantato le piantine in contenitori rispettivamente di sette ed undici litri ed abbiamo quindi continuato ad aggiungere altro radicante, abbinato a piccole quantità di stimolante della crescita. Dopo circa un mese gli esemplari avevano raggiunto un’altezza considerevole, producendo un elevato numero di rami laterali, grandi e lunghi. Infine abbiamo identificato ciascuna pianta, tagliato due talee per pianta e quindi trasferito tutti gli esemplari nella camera di fioritura.

Fioritura

Cambiando il fotoperiodo in dodici ore di luce per dodici di oscurità, dopo pochi giorni le Amnesia mostravano già tutto il loro vigore. La loro crescita rigogliosa era ben al di sopra di quella di altre varietà, a parità di periodo di coltura. A poco a poco la distanza internodale si riduceva e cominciavano ad apparire i pistilli. Dopo un breve lavaggio di radici, nella prima settimana di fioritura, abbiamo cominciato ad aggiungere un fertilizzante specifico per stimolare ulteriormente la formazione dei fiori, abbinato a un biostimolatore (in piccole dosi) che abbiamo aumentato fino a due settimane prima del raccolto.

 Amnesia - La più desiderata

Tricomi visti al microscopio.

Si sono ben presto formati i primi gruppi di pistilli, da cui sono nate infiorescenze allungate e pensanti, coperte da uno strato di tricomi sempre più denso. Sebbene anche i rami laterali fossero provvisti di bud grandi e pesanti, tutti gli esemplari presentavano indistintamente un bud centrale lungo e peloso. Dopo circa 60 giorni è stato possibile raccoglierne la maggior parte. Abbiamo però atteso, impazienti, ancora una settimana e quindi proceduto al taglio.

Raccolto e degustazione

La potatura è stata abbastanza semplice; le piante così tagliate sono poi rimaste appese nella camera di essiccazione in un unico pomeriggio di lavoro. Dopo quindi giorni, abbiamo staccato i bud dai rami, li abbiamo introdotti in scatole e li abbiamo lasciati a maturare così per un po’. La produzione media è stata molto elevata – peraltro le differenze da una pianta all’altra non superavano i 5 g.

Diventati ben crespi, i bud sono poi stati triturati e preparati per la degustazione. Possiamo confermare che l’effetto arriva dritto alla testa e picchia davvero forte, producendo una sensazione di allegria pronunciata che, nel consumo eccessivo, si converte in un vero e proprio disturbo mentale. Il sapore è fresco e perdura sul palato, con uno speciale retrogusto di agrumi e Haze.

di TricomaTeam (tricomateam@gmail.com)

Condividi questo articolo Linkedin Pinterest

Leggi ancora

Coltivazione

Capire e misurare il pH

Per: Kevin, August 27, 2018

Cos’è il pH? Questa è una domanda che in genere porta i nuovi coltivatori a grattarsi la testa e ad andare a prendere la...

— Leggi ancora
Coltivazione

Dal vertical farming al vertical grow – Un concetto di agricoltura rivoluzionario

Per: Kevin, August 24, 2018

INTRODUZIONE Circa un anno fa le Nazioni Unite hanno messo in circolazione un prospetto sulla crescita demografica nei prossimi decenni sulla Terra, stimando l’aumento...

— Leggi ancora
Coltivazione

Indoor thinking – Due pensieri di un cultore

Per: Kevin, August 20, 2018

I fiori coltivati sotto le lampade sono diversi dai prodotti dell’orto. Chiunque avrà notato l’omogeneità tipica di un raccolto indoor e la qualità decisamente...

— Leggi ancora
Coltivazione

Breve guida sulla coltivazione idroponica – Come coltivare cannabis fuori suolo

Per: Kevin, August 13, 2018

INTRODUZIONE La parola idroponica deriva dal greco antico hydor che significa acqua e ponos, lavoro. È un metodo di coltivazione fuori suolo che si...

— Leggi ancora
SoftSecrets nu ook online

Soft Secrets è anche disponibile online

Interviste sull attualità ed i suoi personaggi. Articoli che vi emozionano ed immagini che vi inspirano. Ma anche rubriche sulla bellezza, la moda, la cucina, la TV, musica, arte e cinema.

Tutti i numeri
x

We use cookies to give you the best possible online experience. By agreement you allow us to use cookies as indicated in our cookies policy.