Coltivazione

Capire e misurare il pH

Per: Kevin, August 27, 2018

Cos’è il pH? Questa è una domanda che in genere porta i nuovi coltivatori a grattarsi la testa e ad andare a prendere la pipa. Il pH riguarda il livello di alcalinità o acidità di una determinata “cosa”, in questo caso un liquido. Il liquido è la soluzione nutritiva utilizzata per far crescere una pianta. La scala del pH inizia da 0 e arriva a 14. Il valore di 7,0 è considerato neutro e i valori superiori a 7,0 sono alcalini, mentre quelli inferiori a 7,0 sono acidi. In questo caso bisogna chiedersi perché questo sia importante.

La soluzione nutritiva è sostanzialmente un cocktail di varie sostanze chimiche. Queste sostanze chimiche possono reagire l’una con l’altra in un processo chiamato legame covalente e formare nuove sostanze chimiche indesiderate. Sono indesiderate perché la pianta non può utilizzarle. Questo processo di legame covalente dipende in gran parte dal pH della soluzione in cui sono sospese le sostanze chimiche, in questo caso l’acqua. Con le sostanze chimiche utilizzate nella soluzione idroponica media, un chimico direbbe che il pH ottimale è 7,0, che è neutro. Il ragionamento alla base è che nel mantenere la soluzione neutra, il legame covalente delle parti che costituiscono la soluzione sarà ridotto al minimo.

Capire e misurare il pH

Ma dal momento che alle piante di cannabis piace un livello diverso di pH per una crescita ottimale, abbassate il pH e accettate la lieve perdita di valore nutritivo. Le piante a crescita rapida con molte foglie generalmente hanno un pH inferiore, che varia da 5,2 a 5,9. Fortunatamente, un pH inferiore legherà meno nutrienti rispetto a un pH più elevato.

Se il valore del pH supera l’intervallo ottimale tra 5,2 e 5,9, si presenteranno livelli indesiderati di carenze nutrizionali e tossicità, che possono ostacolare seriamente la crescita delle piante. State attenti.

Nell’analizzare i vari metodi idroponici in uso, si sarebbe potuto notare che la maggior parte dei substrati utilizzati è relativamente inerte (lana di roccia, ghiaia fine, sabbia, ecc.). Cioè, il substrato non reagirà con i nutrienti nella soluzione. Per i metodi che utilizzano mezzi inerti, si consiglia un pH di 5,2 per un apporto ottimale degli elementi necessari. È a questo livello di pH che le radici assimileranno i nutrienti nella soluzione in modo più efficiente. Se la radice deve lavorare meno per assimilare i nutrienti necessari, il resto della pianta ne trarrà beneficio.

Misurazione del pH

Misurare il pH è relativamente facile e ci sono numerosi metodi possibili. Il metodo più economico e di bassa tecnologia prevede il prelevamento di un campione dalla soluzione nutritiva. Viene messo in nella fiala pulita inserita nel kit del pH. Testate il pH mettendo una goccia del liquido o di qualsiasi altra cosa sia fornita nel kit del pH all’interno della fiala (NON la soluzione). Questo qualcosa fa cambiare il colore della soluzione nutritiva, di solito tonalità di verde o blu-verde. Questo colore viene quindi comparato con una tabella cromatica fornita con il kit. Il colore più simile indica il pH della soluzione.

Questa soluzione a bassa tecnologia ha alcune ovvie limitazioni, non da ultimo la difficoltà nel decidere quale sia il colore più simile dopo aver visto i risultato del raccolto precedente. I kit hanno un prezzo che varia dai 5 ai 10 dollari.

Regolazione del pH

Sapere quale sostanza chimica aggiungere alla soluzione nutritiva e quando farlo è fondamentale per il successo della coltivazione. Quando il livello di pH è troppo elevato (alcalino), può essere abbassato con salnitro, acido solforico o fosforo. Quando il valore del pH è troppo basso, può essere aumentato con carbonato di calcio, calce o potassio. La maggior parte dei fertilizzanti provoca un cambiamento di pH nella soluzione nutritiva. L’aggiunta di fertilizzante alla soluzione nutritiva produce quasi sempre un pH più acido. Regolatelo di conseguenza.

Il modo corretto per gestire tutte queste sostanze chimiche è importante. La prima regola generale è non farlo quando sei stonato. Basta non farlo – le piante possono sentire la mancanza dell’alimentazione, se necessaria. Un’altra regola generale è quella di usare vetro o plastica, mai metallo. Le sostanze nutritive reagiscono con gli elementi estremamente liberi nel metallo e rovinano i rapporti nutritivi. Il vetro o la plastica non hanno questo problema, quindi per prima cosa andate al reparto cucina del centro commerciale più vicino a voi.

Non aggiungete mai l’acido al contenitore dei nutrienti. Riempite un piccolo contenitore di vetro con il nutriente da bilanciare e aggiungete alcune gocce della sostanza chimica necessaria. Mescolate bene e aggiungete piccole quantità una alla volta nel contenitore grosso del nutriente fino a raggiungere il giusto equilibrio a livello di pH. Questo è tutto ciò che c’è da fare.

Col passare del tempo, la quantità di sali prodotta dalla decomposizione dei fertilizzanti nel substrato fa sì che diventi sempre più acido. Alla fine, la concentrazione di questi sali nel substrato ostacola la pianta e provoca la bruciatura delle foglie. Inoltre, con l’invecchiamento della pianta, le radici diventano meno efficienti nell’apportare alimenti alle foglie. Per evitare l’accumulo di questi sali nel substrato e garantire che la pianta riceva tutti gli alimenti di cui ha bisogno, assicuratevi di risciacquare il sistema con acqua pulita a pH bilanciato ogni due settimane. Fatelo al posto del ciclo di alimentazione.

C’è sempre stato un grande dibattito su quando regolare il pH – prima e dopo aver aggiunto nutrienti all’acqua, o subito dopo. Abbiamo parlato con un’esperta, che ci ha detto di fare entrambe le cose. Il ragionamento alla base di questo è che l’acqua di rado è sufficientemente neutra. È acido o alcalina, a seconda della regione. Il nostro chimico ha detto che i professionisti rendono prima di tutto l’acqua neutra (pH di 7,0). Si aggiungono poi i nutrienti alla soluzione chimicamente neutra e si adeguano all’intervallo desiderato compreso tra 5,2 e 5,9 pH. Questo ha senso.

Thomas Valentine

Condividi questo articolo Linkedin Pinterest

Leggi ancora

Coltivazione

Moby Dick CBD

Per: Admin, October 19, 2018

La famosa Moby Dick, varietà Dinafem, è stata immessa sul mercato nel 2005 e da allora rappresenta uno dei fiori all’occhiello della grande banca...

— Leggi ancora
Coltivazione

Le alghe per i coltivatori

Per: Admin, October 19, 2018

Sono numerosi gli articoli già pubblicati sulle alghe nella coltivazione casalinga di cannabis, anche io qualche anno fa scrissi delle alghe brune per celebrare...

— Leggi ancora
Coltivazione

Contatori prima parte

Per: Admin, October 17, 2018

I contatori consentono ai coltivatori di misurare elementi specifici in modo che ciascuno di essi possa essere migliorato in modo incrementale. I contatori vi...

— Leggi ancora
Coltivazione

Dal vertical farming al vertical grow – Un concetto di agricoltura rivoluzionario

Per: Kevin, August 24, 2018

INTRODUZIONE Circa un anno fa le Nazioni Unite hanno messo in circolazione un prospetto sulla crescita demografica nei prossimi decenni sulla Terra, stimando l’aumento...

— Leggi ancora
SoftSecrets nu ook online

Soft Secrets è anche disponibile online

Interviste sull attualità ed i suoi personaggi. Articoli che vi emozionano ed immagini che vi inspirano. Ma anche rubriche sulla bellezza, la moda, la cucina, la TV, musica, arte e cinema.

Tutti i numeri
x

We use cookies to give you the best possible online experience. By agreement you allow us to use cookies as indicated in our cookies policy.