Coltivazione

Raccolto e cura dell’erba

Per: Soft Secrets, April 12, 2019

Quindi, quando l’ultimo raccolto è pronto, è ora di cominciare a pensare alla raccolta. Questa fase è un’attività semplice, ma ci sono alcune cose da sapere prima di raccogliere il tutto. Eccoci come si fa.

Ciò che andrebbe preparato in anticipo è un elisir buono e forte di vodka e acqua, in pari concentrazione. La vodka, raffreddata a zero gradi centigradi, darà uno shock alle radici portandole a chiudersi e in effetti le farà smettere di funzionare. Questo è esattamente quello che si cerca di ottenere, dal momento che l’obiettivo è quello di disidratare la pianta.

Raccogliete dopo una giornata intera di buona luce solare. Un’ultima somministrazione di nutrimento non è necessaria, poiché l’obiettivo è quello di far morire il tutto. La prima fase è semplicemente quella di tirare fuori le piante dal terreno, ma fate attenzione: non disturbate la massa radicolare più del dovuto. Non lasciate fango sulle radici, ma non lasciate indietro neanche delle radici. L’ideale sarebbe che sulle radici ci fossero solo alcune palline di fango, perché questo ne facilita la pulizia una volta a casa.

Raccolto e cura dell’erba

Lavate la massa radicolare con acqua fredda pura, il più fredda possibile. Questo crea uno shock nelle radici che si contraggono e si chiudono, il che è necessario in questa fase. Il motivo è che ciò che si vuole ottenere è che le radici smettano di funzionare. Quando le radici smettono di funzionare, la pianta si avvizzisce e muore. Lasciate le radici della pianta nella soluzione di vodka e acqua per circa un’ora, dopo che non risciacquate le radici, lasciate la massa radicolare con la vodka su di essa. La pianta avvizzirà in poco tempo usando questo metodo. I fiorai utilizzano questo trucco per ravvivare temporaneamente i fiori in poco tempo. Lo svantaggio, per loro, è che la pianta avvizzisce molto velocemente. Per noi, è invece esattamente ciò che vogliamo ottenere.

Questo appassimento produce più oli nella pianta ed è proprio l’olio ciò che si vuole, perché è in esso che si trova la parte buona. Il THC è un olio e la vostra pianta, che sta lentamente morendo di fame, ne produrrà in quantità maggiori se le radici sono sottoposte a un adeguato shock, che disidrati l’intera pianta.

Appendete la pianta in una zona fresca e illuminata. Contrariamente a quanto non si creda, non è necessario appendere le piante a testa in giù: in entrambi i casi funzionerà, anche se potrebbe essere più semplice appendere la pianta a testa in giù. La pianta dovrebbe effettivamente ricevere un po’ di luce durante la fase di essiccazione. Ciò consentirà alla pianta di fare ciò che sa fare meglio: produrre oli vitali contro la disidratazione. Mantenete la temperatura costante e la luce sulla pianta. La pianta in lenta disidratazione si arricchirà di oli contenenti THC.

Raccolto e cura dell’erba

Quando le foglie sono secche e coriacee, iniziate a toglierle dal gambo, lasciando indietro le cime. Le cime ci metteranno più tempo a essiccare rispetto alle foglie sottili, quindi lasciate le cime sul gambo un altro giorno o due.
Dopo un paio di giorni di essiccatura, le cime dovrebbero essersi ridotte dimensionalmente di poco. Questo è ovviamente dovuto al fatto che si stanno disidratando. A questo punto toglietele dal gambo e arrotolatele in un giornale. Mettetele in un luogo fresco e asciutto per alcuni giorni. Il giornale estrae in poco tempo l’umidità dalle cime, così che le stesse siano di altissima qualità.

Più le cime stanno nel giornale, migliore sarà il loro fumo. La marijuana è come un buon vino: in genere questo è il modo migliore per procedere. Tenete l’erba che non state fumando avvolta in un giornale in contenitori di vetro sigillati e il fumo sarà vellutato e gustoso. Questo semplice metodo per la raccolta e la cura del raccolto è molto più efficace che metterlo nel forno per alcuni minuti per essiccarlo. Alcune persone addirittura lasciano sobbollire le cime nel tè prima di curarle lentamente. Questo conferisce più sapore alle cime e ne cambia il colore a prescindere dal colore del tè.

Condividi questo articolo Linkedin Pinterest

Leggi ancora

Coltivazione

Storia di un fan del Rosin

Per: Soft Secrets, April 24, 2019

Da un seme al Rosin, viaggiando per il mondo   In un cannabis club di Barcellona, durante una session di pressate di Rosin, ho...

— Leggi ancora
Coltivazione

Commento alla relazione preliminare dell’OMS sulla Cannabis

Per: Soft Secrets, April 22, 2019

Nelle convenzioni internazionali le cosiddette “droghe”, sostanze di probabile abuso, senza indicazioni terapeutiche, sono state vietate perché avrebbero causato problemi – e spese non...

— Leggi ancora
Coltivazione

Dutch Passion negli Stati Uniti

Per: Soft Secrets, April 20, 2019

Dutch Passion inaugura il 2019 con alcune nuove varietà di cannabis di genetica USA. Seguendo il filone degli ultimi anni, la genetica della cannabis...

— Leggi ancora
Coltivazione

Ciao magica redazione!

Per: Soft Secrets, April 19, 2019

Ho sempre invidiato chi possiede molto spazio e budget illimitato… A chi non piacerebbe avere un magazzino dove poter fare tutti i propri esperimenti?...

— Leggi ancora
SoftSecrets nu ook online

Soft Secrets è anche disponibile online

Interviste sull attualità ed i suoi personaggi. Articoli che vi emozionano ed immagini che vi inspirano. Ma anche rubriche sulla bellezza, la moda, la cucina, la TV, musica, arte e cinema.

Tutti i numeri
x

We use cookies to give you the best possible online experience. By agreement you allow us to use cookies as indicated in our cookies policy.