Notizie

Cannabis terapeutica, in Regno Unito simili nostrane criticità di approvvigionamento e diffidenza

Per: Matteo, March 30, 2019

In Regno Unito la cannabis terapeutica sta riscontrando una situazione di diffidenza e difficoltà di approvvigionamento per i pazienti, come purtroppo anche in Italia

La maggior parte dei pazienti che cercano la cannabis medicinale sul NHS non saranno in grado di farlo presto, nonostante i recenti cambiamenti nella normativa che consentono ai medici di darlo, una commissione ha sentito.
Il Chief Medical Officer dell’Inghilterra ha richiesto prove scientifiche per verificare la sicurezza. Queste prove possono durare anni.
Le famiglie con bambini con epilessia grave hanno fatto campagne per ottenere un accesso maggiore.
Gli attivisti dicono che sono rimasti delusi.

“Posto in medicina”
Verso la fine del 2018 la cannabis è stata riclassificata per consentire la prescrizione di alcuni farmaci derivati ​​dalla cannabis da parte di medici specialisti in situazioni limitate.
Attualmente la cannabis medicinale è per lo più senza licenza – il che significa che i medici possono prescriverlo solo in circostanze estreme, e molti sono riluttanti a farlo senza più indicazioni e prove solide.
Il cambiamento normativo è avvenuto dopo una revisione da parte del Chief Medical Officer in Inghilterra, la prof.ssa Dame Sally Davies, che ha concluso che c’erano alcuni benefici clinici per i prodotti di cannabis medicinale.
Il comitato di selezione per la salute e l’assistenza sociale ha sentito che questa mossa ha sollevato le aspettative di alcuni pazienti e famiglie che speravano di ricevere i prodotti.
Dame Sally ha detto che era giunto il momento di raccogliere molte prove dagli studi scientifici “gold standard”, in modo che i prodotti potessero essere presi in considerazione per le licenze e trasferiti al “loro giusto posto in medicina”.
Ha invitato l’industria a svolgere un ruolo di primo piano nel finanziamento di queste prove.
Peter Carroll, del gruppo di campagna End Our Pain, ha dichiarato di essere “scioccato e inorridito” per il fatto che pochi pazienti hanno beneficiato fino ad ora – compresi i bambini con epilessia grave, i cui genitori stavano attualmente acquistando la droga altrove.
Ha detto che gli anni di attesa per le prove di controllo randomizzate per finire era “assurdo”.
Sosteneva che doveva esserci una visione più ampia delle prove – incluse le esperienze di più famiglie.

Parlando al comitato, il prof. Mike Barnes, presidente della Medical Clinic ‘Society, ha detto che gli studi farmaceutici standard non potrebbero essere facilmente applicati alla cannabis, in quanto non è una singola molecola che può essere paragonata a un placebo o una pillola fittizia.
Ha detto che è necessario adottare una serie di approcci nel considerare le prove.
Si prevede che l’Osservatorio sulla salute, l’Istituto nazionale per la salute e l’eccellenza nell’assistenza, emetterà linee guida per i medici specialisti in ottobre.
Il SSN userà questo per decidere se finirà per finanziare il farmaco regolarmente per alcuni pazienti.

BBC: LINK

Nel frattempo a Manchester…

La prima clinica britannica specializzata in cannabis medica è stata inaugurata nella Greater Manchester.
Segue l’annuncio del governo che i medici specialisti potrebbero prescrivere prodotti a base di cannabis ai pazienti per uso medicinale a partire da novembre.
Le decisioni dei medici devono essere prese caso per caso e solo quando il paziente ha una necessità clinica speciale insoddisfatta che non può essere soddisfatta dai prodotti concessi in licenza.

Il direttore clinico del centro di salute privata The Beeches, accanto all’ospedale Alexandra di Cheadle, è il professor Mike Barnes, che ha contribuito a garantire la prima licenza di cannabis medicinale per il giovane malato di epilessia Alfie Dingley.

Il Professor Barnes ha detto: “I pazienti che soffrono di dolore cronico e di altre gravi condizioni neurologiche o psichiatriche hanno gridato per questo tipo di trattamento che cambia la vita.

“Questa clinica rappresenterà un’ancora di salvezza per coloro che hanno trovato inefficaci altri trattamenti. Ciò porta anche il Regno Unito ad allinearsi con gli altri paesi quando si tratta di gestione del dolore.
“La speranza è che nel tempo i pazienti in tutto il paese e non solo a Manchester avranno accesso al sollievo di cui hanno bisogno”. (The Indipendent)

Condividi questo articolo Linkedin Pinterest

Leggi ancora

Notizie

In memoria di Nevil Schoenmakers

Per: Soft Secrets, April 3, 2019

Il Maestro dell’Haze   Molto prima dei semi femminizzati e di ogni altra varietà di haze pronta in 10 settimane, c’era un uomo che...

— Leggi ancora
Notizie

R.I.P. Neville Schoenmakers

Per: Matteo, April 2, 2019

Triste notizia per il mondo della cannabis: il “King of Cannabis” Neville Schoenmakers è deceduto. Neville è stato il fondatore della prima compagnia di...

— Leggi ancora
Notizie

Cannametro di Marzo 2019

Per: Matteo, March 31, 2019

Il Cannametro rappresenta una sorta di barometro delle notizie di cannabis italiane e internazionali. Chi sono i protagonisti e quali sono i fatti che...

— Leggi ancora
Notizie

Boom della canapa: gli Stati Uniti riportano aumenti esponenziali delle licenze per il 2019

Per: Matteo, March 30, 2019

Dall’entrata in vigore Farm Bill, la canapa è stata ufficialmente sdoganata negli Stati Uniti d’America. La sua crescita è esponenziale in tante parti del...

— Leggi ancora
SoftSecrets nu ook online

Soft Secrets è anche disponibile online

Interviste sull attualità ed i suoi personaggi. Articoli che vi emozionano ed immagini che vi inspirano. Ma anche rubriche sulla bellezza, la moda, la cucina, la TV, musica, arte e cinema.

Tutti i numeri
x

We use cookies to give you the best possible online experience. By agreement you allow us to use cookies as indicated in our cookies policy.