Notizie

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi chiede un aumento della produzione di cannabis terapeutica

Per: Matteo, October 25, 2018

L’appello del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi per aumentare di venti volte la produzione di cannabis terapeutica da parte dello Stato presso l’ormai noto Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze

 

Arrivare a produrre fino a 3.800 chilogrammi di cannabis terapeutica all’Istituto Farmaceutico Militare di Firenze, l’unico autorizzato in Italia a produrre ‘cannabis di Stato’. E’ il monito del presidente della Regione Enrico Rossi, durante la visita degli scorsi giorni all’istituto, accompagnato dal direttore dello stabilimento, il Colonnello Antonio Medica.
“Quest’anno produrremo 150 chilogrammi, che aumenteranno fino a 300 nei prossimi anni”, spiega Medica. Una produzione non in grado di coprire il fabbisogno nazionale, previsto per il 2018 intorno ai 700-800 chili: gran parte dovrà dunque essere acquistata dall’estero (si prevedono importazioni di cannabis dall’Olanda per circa 4,2 milioni di euro).“E’ sciocco comprare all’estero. Al Farmaceutico ci sono spazi per arrivare a coprire l’intero fabbisogno, con una cannabis terapeutica di qualità maggiore. Ogni Regione potrebbe fare un investimento pari al suo fabbisogno, aiutando questo Istituto a svilupparsi. Noi siamo disponibili a finanziare una serra come quelle che abbiamo visitato”, dice Rossi, intenzionato a chiedere maggiori investimenti al ministro della salute Giulia Grillo.
La Toscana è stata la prima Regione, nel 2012, ad approvare una legge che tuteli l’utilizzo dei cannabinoidi per scopi terapeutici e a completo carico del servizio sanitario regionale, per il trattamento di dolori cronici e neuropatici, ma anche per pazienti affetti da gravi patologie come cancro, Sla, sclerosi multipla, fibromialgia e sindrome di Tourette.
L’utilizzo di farmaci a base di cannabis è in continua espansione e aumentano le prescrizioni mediche, anche per gli effetti positivi riscontrati sui pazienti. A carico della Regione Toscana nel 2017 sono stati curati con cannabinoidi quasi 1.300 pazienti, con una spesa complessiva di 314mila euro circa.
“E’ necessario arrivare in pochi anni a produrre fino a 3.800 chilogrammi (oltre venti volte la produzione attuale, ndr), un livello adeguato perché i medici stanno imparando a prescrivere i cannabinoidi”, aggiunge Rossi, auspicando “un sistema tutto pubblico, senza ricorrere ai privati”, per evitare possibili aumenti di costo per i pazienti, in caso di produzione da parte di privati come proposto dal Ministro della Salute Giulia Grillo

Condividi questo articolo Linkedin Pinterest

Leggi ancora

Notizie

Cannabis: il disegno di legge a firma M5S per legalizzare la pianta e i suoi derivati

Per: Matteo, January 9, 2019

Nonostante le molte cartucce proibizioniste lanciate dalla parte verde del Governo Lega-M5S, il Senatore Matteo Mantero, in forza ai pentastellati, ha rilanciato una proposta...

— Leggi ancora
Notizie

La disputa di Piacenza

Per: Soft Secrets, January 9, 2019

esempio di come funziona il dibattito sulla cannabis in Italia Il dibattito sulla cannabis in Italia non ha purtroppo mai abbandonato il tono da...

— Leggi ancora
Notizie

Cannabis Light: libera vendita o divieto assoluto?

Per: Matteo, January 9, 2019

Il Parlamento interviene sul tema della cannabis “light” e lo fa con 4 diverse risoluzioni presentate da Pd, FdI, Leu e Gruppo Misto in...

— Leggi ancora
Notizie

Libertà per Mr. Lukman

Per: Soft Secrets, January 8, 2019

Negli anni in cui viviamo sembra davvero impossibile per noi europei leggere sui media di mezzo mondo che un ragazzo nemmeno trentenne sia stato...

— Leggi ancora
SoftSecrets nu ook online

Soft Secrets è anche disponibile online

Interviste sull attualità ed i suoi personaggi. Articoli che vi emozionano ed immagini che vi inspirano. Ma anche rubriche sulla bellezza, la moda, la cucina, la TV, musica, arte e cinema.

Tutti i numeri
x

We use cookies to give you the best possible online experience. By agreement you allow us to use cookies as indicated in our cookies policy.